Stabilimenti Termali in Giordania (1)

La Giordania confina a nord con la Siria, a nord-est con l'Iraq, a est e a sud con l'Arabia Saudita e a ovest con Israele.

La Giordania fa parte della cosiddetta "Mezzaluna Fertile" ed è ricca di storia il cui inizio è documentabile intorno al 2000 a. C., quando i semiti Amorrei si insediarono sulle rive del Giordano nella zona denominata Canaan.

E' stata invasa successivamente da Ittiti, Egiziani, Israeliti, Assiri, Babilonesi, Persiani, Greci, Romani, musulmani Arabi, Crociati, Turchi Ottomani e, per finire, Britannici.

Alla fine della I Guerra Mondiale, i territori che oggi comprendono Israele, Giordania e Gerusalemme furono affidati alla Gran Bretagna.

Nel 1922, i Britannici crearono l'Emirato di Transgiordania, governato dal principe hashemita ‘Abd Allāh, figlio dello Sceriffo della Mecca al-Husayn ibn ‘Alī che, essendo un discendente del profeta Muhammad, del clan dei Banū Hāshim della tribù dei Quraysh, poteva dirsi "hascemita".

Il Mandato dalla Società delle Nazioni sulla Transgiordania finì il 22 maggio 1946.

Il 25 maggio il paese si trasformò in Regno Hashemita indipendente di Transgiordania e nel 1957 finì anche il trattato difensivo con la Gran Bretagna.

La Giordania si può suddividere in tre zone ben distinte: la fertile Valle del Giordano che corre lungo la parte occidentale del paese; l'altopiano della Transgiordania, dove si trova la maggior parte delle città; il deserto della Transgiordania, che si allunga a est verso la Siria, l'Iraq e l'Arabia Saudita. Poverissima di acque superficiali, la Giordania ha nel Giordano il suo unico fiume importante, che riceve vari affluenti come lo Yarmūk e lo Zarqā'.

Il clima varia considerevolmente da una parte all'altra del paese.

La Valle del Giordano in estate può essere incredibilmente calda (in genere intorno ai 40°C), mentre ad Amman e a Petra in inverno ogni tanto nevica.

La zona dell'altopiano in genere è calda e secca, con temperature che variano da un minimo di 20°C a un massimo di 30°C, mentre nel deserto si soffrono notevoli sbalzi di temperatura.

Il periodo migliore per visitare la Giordania è la primavera o l'autunno, quando si evita il sole cocente dell'estate e i freddi venti invernali.

Anche se l'inverno nella maggior parte del paese è molto freddo, nella zona del Mar Rosso e di Aqaba il clima è temperato.

Se avete in programma di viaggiare nel resto del Medio Oriente, cercate di dirigetevi a nord verso la Turchia in primavera, e a sud verso l'Egitto in autunno.

La Giordania, grazie alle acque del Mar Morto, è una zona termale rinomata ed apprezzata nel mondo intero per le sue proprietà benefiche e rilassanti per la pelle.

La principale attrazione del Mar Morto è naturalmente rappresentata dalle sue acque rilassanti e insolitamente salate: il loro tasso di salinità è pari al 31,5%, tanto che è letteralmente impossibile affondare.

L'acqua contiene inoltre ben 21 minerali, con elevate concentrazioni di magnesio, sodio, potassio e bromo: 12 fra i minerali in questione non si trovano in alcun'altra massa d'acqua al mondo.

Vari studi hanno dimostrato come la combinazione fra le acque del Mar Morto e i fanghi neri ricchi di minerali della costa presenti notevoli vantaggi terapeutici, facilitando la circolazione, alleviando dolori artritici e allergie e rivitalizzando la pelle.

 

|
  • Evason Ma'in Hot Spring - Hammamat Ma'in

Giordania