Stabilimenti Termali a Beitou

Beitou è il più settentrionale dei dodici quartieri della città di Taipei.

E' divisa in due parti: la Vecchia Beitou, situata intorno alla stazione della metropolitana ed al mercato, e la Nuova Beitou sviluppatasi attorno alle sorgenti di acqua calda.

L'odore di zolfo ed il costante vapore dà alla valle di Beitou l'apparenza del calderone di una strega e gli abitanti della zona la chiamano paktaaw, che significa "strega".

Un tempo l'attrazione della Nuova Beitou erano le ragazze e la zona ha avuto fama di essere uno di più grandi distretti a luce rossa illegali di Taiwan.

Dal 1896, quando durante l'occupazione giapponese ha aperto la prima casa di bagni termali, l'amministrazione comunale ha fatto uno sforzo vero e proprio ed è stata in grado di "ripulire" la zona.

Durante gli anni 60 nella zona sono stati costruiti molti hotel popolari intorno alla zona delle sorgenti e queste strutture sono rimaste la caratteristica dominante del paesaggio di Beitou per oltre venti anni.

Negli anni 80 e 90 il governo ha fatto un nuovo sforzo concordato con la popolazione per sviluppare la zona, con la conseguenza che gli hotel popolari sono stati demoliti o rinnovati stazioni termali di lusso.

Oggi la zona della Nuova Beitou è caratterizzata da stazioni termali di alta qualità, buoni hotel, un'ambiente verde e fertile e buoni collegamenti al centro di Taipei.

Ci sono due luoghi che meritano una visita.

Il primo è il Museo delle Sorgenti Calde, considerato monumento nazionale.

Costruito durante l'occupazione giapponese, questa bella costruzione di stile Euro-Giapponese era una volta il bagno pubblico principale di Beitou.

L'edificio è a due piani ed è l'esempio migliore di cosa si intende per sorgenti calde nella storia di Taiwan.

Il secondo è la Biblioteca Comunale, primo edificio verde a Taiwan che coniuga perfettamente l'edificio in legno con l'ambiente naturale della zona.

Le sorgenti termali di Beitou  sono collegate con l'attività del vulcano Yangmingshan, un vulcano attivo ma senza eruzioni negli ultimi mille anni.

Le acque che sgorgano a Beitou, con una temperatura di circa 55-65 gradi centigradi, sono di tre tipi: bianca sulfurea, consigliata per l'artrite, le malattie della pelle e le malattie ginecologiche; blu sulfurea, efficace per le malattie della pelle, la gotta e i dolori muscolari; sulfurea ferruginosa, efficace per reumatismi, malattie della pelle, dolori ai nervi.

I Bagni Pubblici si trovano subito dopo il Museo delle Sorgenti Calde.

Il costo dell'ingresso è minimo (circa due euro), a cui è necessario aggiungere qualcosa se si ha bisogno di un armadietto.

Le piscine sono in comune (uomini e donne insieme) e il costume da bagno, cuffia e asciugamano sono di rigore.

Tre delle piscine sono a cascata su quella inferiore, con la piscina in alto con l'acqua più calda a più di quaranta gradi.

Quasi tutti gli hotel della zona forniscono servizi termali sia individuali che collettivi come piscine.

  • Sorgenti

  • Museo delle Sorgenti Calde

  • Bagni pubblici

715 Bagni Pubblici di Beitou